Backup su disco USB: i primi problemi

Non funziona ……. era ovvio che non potesse funzionare al primo colpo! 🙁
Nel dettaglio ho provato a fare il backup del server che ospita questo sito (circa 40 GB di dati) ritrovandomi alla fine con un misero archivio tar di 4 GB, perdipiù corrotto.
Prima di dare la colpa ad un bug voglio però approfondire le prove, ho il dubbio che questo sistema di backup crei l’archivio sui dischi locali e solo alla fine copi il tutto sul disco USB, se così fosse significa che bisogna avere un bel po’ di spazio libero sui dischi per utilizzare questo metodo.
Si continua con le prove…..

Backup su disco USB

Ieri sera, quasi per caso, ho notato che nell’administration panel (quello che si raggiunge loggandosi come admin) è comparsa una succosa opzione: “Backup su disco usb”.
Consultando il bugzilla di Contribs ho visto che la cosa è stata introdotta con gli update alla versione 7.1.1. di SME Server e dovrebbe essere esente dal noioso limite dei 4 GB di dimensione massima, potrebbe essere il metodo definitivo di backup …… se funziona! 🙂
Stasera si inzia con le prove di backup e restore.

SME 7.1.2 e RKHunter: OS non supportato?

Dopo gli ultimi aggiornamenti di SME Server con relativo passaggio alla versione 7.1.2, quotidianamente ricevo delle mail dal demone di RKHunter che minacciosamente mi avvertono che il sistema operativo non e’ riconosciuto

Warning: This operating system is not fully supported!

Scartabellando nella documentazione di RKHunter ho visto che basta aggiornare la lista degli OS riconosciuti con un piccolo script; loggato come root basta dare

wget http://puzzle.dl.sourceforge.net/sourceforge/rkhunter/hashupd.sh
sh hashupd.sh
rm hashupd.sh

per risolvere facilmente il problema.

MLDonkey: rilasciata nuova versione

E’ stata rilasciata la versione 2.8.3 di MLDonkey, di seguito il changelog:

– EDK: Support files > 4GB
– EDK: Support compressed upload
– EDK: recognize IMPmule client type
– EDK: parse more fields from server.met
– fix for not implemented Unix.fstat on MinGW
– fix sending shares to servers with state connecting
– fix month display at GD generated graphs
– new option ‘upload_full_chunks’ & ‘upload_complete_chunks’
– new option ‘share_scan_interval’ for scan shared directories
– new option ‘create_file_mode’ and rename ‘create_dir_mask’ to ‘create_dir_mode’
– new parameter ‘changed’ for command ‘voo’ prints changed options
– command improvements for ‘porttest’ ‘set’ ‘force_web_infos’ ‘vc’
– add start parameter ‘-useradd “user pass”‘
– many swarmer optimizations
– html and logfile enhancements
– lots of Multiuser improvements
– code cleanups, optimizing some functions
– some little fixes/improvements at c code

Il file mlnet aggiornato lo potete trovare qui o scaricare l’intero pacchetto da qui; la procedura di aggiornamento da seguire con Sme Server rimane la solita.

Offrire servizi su IP dinamico

Una delle poche pecche di SME-Server è di aver da tempo abbandonato lo sviluppo di un modulo di gestione di servizi come DynDNS; per chi non sapesse cosa sono e a cosa servono ecco un piccolo riassunto tratto dal blog di Andrea Beggi:

“DynDNS è un servizio gratuito che permette di associare un dominio di terzo livello al vostro indirizzo IP. Funziona anche e soprattutto per chi ha IP dinamico, come la maggior parte dei navigatori casalinghi.
Scenario: avete una connessione ad internet via modem o ADSL, il vostro provider vi assegna un indirizzo IP dinamico, cioè che cambia ad ogni collegamento. Malgrado ciò volete rendere accessibile un servizio che “gira” sul vostro PC, ad esempio un blog che avete in locale, un server FTP, oppure un sito web: ad ogni connessione sarete costretti a comunicare al mondo l’indirizzo IP, sempre diverso.
E qui il servizio Dynamic DNS vi soccorre, basta registrarsi e scegliere il proprio dominio di terzo livello, tra le 40 e passa scelte che avete a disposizione.”

La soluzione a questo limite di SME-Server ci viene offerta da ddclient, uno script perl che aggiorna automaticamente ad ogni cambio di ip del nostro server le entries dns di DynDNS, il tutto gestibile dal WebPanel di SME.

Per l’installazione si deve innanzittutto scaricare il pacchetto disponibile qui che si installerà con

yum localinstall sme7-ddclient-3.7-1.noarch.rpm

e poi

reboot

Dopo il riavvio nel Server Manager sarà presente una voce che permetterà di inserire tutti i dati dei nostri account DynDNS.
Ad ogni cambio di IP ddclient avviserà l’amministratore con una mail dell’avvenuto aggiornamento dei DNS.